Ritrova tempo di qualità in famiglia in 10 piccole mosse


Solo la scorsa settimana ci siamo lasciati con una mia riflessione sul blog: se non hai ancora letto l’articolo Essere donna, madre e moglie: dividersi o moltiplicarsi? ti consiglio di recuperarlo.

Sarà utile per comprendere il contesto all’interno del quale, oggi, in queste poche righe, vorrei darti 10 spunti per recuperare tempo di qualità e condivisione quando si è in famiglia.

Le faccende domestiche annoiano tutti noi, e spesso il gravoso peso lo portiamo proprio noi donne, tutte da sole.

Negli anni ho imparato che anche situazioni di questo genere possono essere fruttuose per avere tempo di qualità coi nostri figli. Basta qualche piccolo accorgimento per mettere in pratica un piano d’azione efficace.

Intanto ricorda la regola aurea: per attivare il cambiamento, occorre partire da te!

1 Stop ai sensi di colpa

I nostri schemi fissi mentali – che vengono da usanze familiari o contesti sociali – associano in automatico i lavori di casa al ruolo di mamma. Ma non esiste alcuna regola in tal senso! Cominciamo col rompere questo schema e nel farlo, non sentiamoci in debito nei confronti di qualcuno, o peggio ancora, con la nostra coscienza.

2 Condividi

Condividere non significa scansare le proprie responsabilità ma anzi, far capire come queste siano così importanti e gravose e…di tutti! Inoltre, così alleggerisci i carichi per tutti, non solo quelli fisici ma anche quelli emotivi.

3 Programma
Assegna i vari compiti e le varie mansioni, in armonia con tutti: iniziando a fare le pulizie tutti insieme passa il messaggio che l’unione fa la forza e che alla fatica segue la ricompensa.

4 Proponi
Prima d’iniziare le faccende, prepara delle opzioni di svago da proporre alla famiglia come premio: basta poco come una bella passeggiata e un gelato o pizza e cinema.

5 Sorridi

Se capita che i tuoi figli vogliano fare a modo loro e magari i risultati non sono molto brillanti, non importa: lasciali sperimentare e sorridi: vedrai che andrà sempre meglio di volta in volta…

6 Ironizza

Ovvio, non è giusto che il compito loto assegnato sia svolto male ma, se hai osservazioni sui loro “esperimenti”, falle sorridendo e con fare bonario: lasciali fare per non mandare all’aria la bella atmosfera che si va creando.

7 Concediti una pausa

Anche coi figli non più tanto piccoli, può essere un modo diverso di prendersi le coccole e giocare con te. Insomma, se li diverte usare l’aspirapolvere per inseguirti anziché per pulire, gioca un po’ con loro facendoti inseguire.

8 Non preoccuparti

Alla fine, non tutto sarà pulito e splendente alla perfezione. Ma ricorda che lo scopo è stare bene tutti assieme mentre ci si rende utili per mantenere accogliente e pulita la casa di tutti, non solo di mamma, e ricavare più tempo per lo svago comune. Anche quello di mamma!

9 Premia

Gli sforzi vanno sempre premiati. Qui non c’è solo lo sforzo fisico, ma soprattutto quello che vi ha resi capaci di fare qualcosa di diverso rispetto al solito, tutti insieme. Quindi, premiatevi con un’uscita di famiglia speciale una volta al mese, scegliendo a turno cosa fare e dove andare. Anche i figli già grandi accettano allegramente questo tipo d’iniziativa, vedrai quante idee simpatiche che non avresti mai creduto!

I miei figli, ad esempio, mi hanno proposto una Mistery Room: si tratta di un gioco molto divertente dove tutti sfoderano le proprie abilità individuali per aiutarsi a vicenda a risolvere gli enigmi e vincere.

10 Non mollare

Forse la prima volta non tutto andrà come speravi ma, se non funziona al primo colpo, provaci ancora! Questo è solo l’inizio che porterà via via molti frutti. Fin da subito coglierai la sensazione di come fra voi sarà migliorata la comunicazione e l’unione: detto tra noi, se pensi che tutto ciò accade mentre si fanno noiose faccende domestiche, ammetterai che non è poco!

Insisti e vedrai che ciò che prima ti dava stress, lascia spazio in pochi minuti ad una stanchezza sana. Ti stupirai nel trovare ancora energia e piacere nel provare una nuova ricetta per cena, mentre i tuoi figli ti raccontano della loro giornata e chiedono com’è stata la tua.

Articoli correlati

Cambiare lavoro: cosa sei disposto a fare? Un vademecum in 7 punti

Cambiare lavoro: cosa sei disposto a fare? Un vademecum in 7 punti

L’ultimo articolo sul blog voleva riflettere sulle conseguenze che si hanno quando si mette a tacere l’importante necessità di cambiare un lavoro ormai tossico e sui grandi benefici e le nuove certezze che invece si ottengono dopo il cambiamento.Ricorda che i dubbi ci boicottano, ma noi possiamo boicottare i dubbi!Ognuno di noi è differente e… Continua a leggere Cambiare lavoro: cosa sei disposto a fare? Un vademecum in 7 punti

Leggi tutto

Voglio cambiare lavoro ma…

Voglio cambiare lavoro ma…

Il tuo lavoro non ti rappresenta? Senti che il lavoro non ti dà più soddisfazione ma anzi ti pesa parecchio? Non sopporti più colleghi e capi? In azienda si valutano solo le performance e non si tiene conto della persona che le produce? Vorresti cambiare lavoro ma ti chiedi: come faccio?

Leggi tutto

Una donna al comando

Una donna al comando

Per quale motivo una leadership al femminile può essere la risposta più concreta ed efficace alle esigenze delle aziende? Mai come in questi mesi si parla di donne al comando. Non più solo serie televisive vedono protagoniste donne in ruoli apicali, ma anche la vita vera: nelle istituzioni, nello sport, nei tribunali, negli ospedali. Intanto,… Continua a leggere Una donna al comando

Leggi tutto